Contattateci direttamente info@studiomedicoforcellini.it

C.so Peschiera, 337 Torino Mappa

Cosa facciamo

  • MEDICINA ANTROPOSOFICA

La Medicina Antroposofica deriva dall’Antroposofia, movimento fondato da Rudolf Steiner all’inizio del secolo scorso. Al pari di Omeopatia, Ayurvedica e Agopuntura rientra nelle medicine non convenzionali (MNC) riconosciute dal Ministero della Sanità. Si occupa di cercare nei sintomi e nella biografia del paziente i segni dello squilibrio che porta alla malattia. In questo modo non solo si propone di curare le patologie ma anche di prevenirle. Diversamente dall’Omeopatia che sottolinea qual è il meccanismo patologico in atto, la Medicina Antroposofica suggerisce all’organismo il principio “sano” a cui fare riferimento. I rimedi utilizzati derivano dal regno animale, dai vegetali e dai minerali, dinamizzati o ponderali, assunti per bocca, come iniezioni o come unguenti locali. Spesso vengono prescritte anche terapie più individuali, biografiche, come l’arteterapia. Le patologie di cui si occupa la Medicina Antroposofica vanno dalle cure dei neonati e delle donne in gravidanza fino all’adulto per la cura di svariate malattie, da quelle croniche a quelle più acute fino all’assistenza del fine vita. Per le patologie più gravi che necessitano delle imprescindibili cure allopatiche, la Medicina Antroposofica affianca le terapie convenzionali con rimedi che aiutano l’organismo stimolandone le forze di guarigione e contrastando gli effetti collaterali che a volte accompagnano i trattamenti più aggressivi.

  • VISCHIO E TUMORI

Da quasi un secolo la Medicina Antroposofica propone un particolare farmaco a base di vischio (viscum album) per la cura dei tumori. Tale pianta oltre ad avere una documentata azione contro le cellule malate, è capace di stimolare il sistema immunitario del paziente. In questo modo contrasta molti effetti collaterali della malattia e di eventuali terapie necessarie.
Le fiale di vischio prescritte vengono in genere iniettate sottocute dal paziente secondo le indicazioni del medico.
Oltre alla malattia tumorale in sé, l’attenzione della Medicina Antroposofica si concentra sui sintomi in atto e viene stabilita la terapia per attenuarli.

  • AGOPUNTURA

Nata più di due millenni fa in Cina oggi è molto diffusa e la sua validità è stata riconosciuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. In Italia può essere praticata solo dal medico.
Esercita la sua azione attraverso l’infissione di aghi che stimolano precisi punti del corpo (agopunti). In questo modo si riequilibrano le funzioni dell’organismo riportandolo in salute (armonizzazione del Qi).
I trattamenti sono di norma poco dolorosi e senza effetti collaterali, salvo piccoli lividi molto rari. Dopo l’infissione gli aghi, sterili e monouso, rimangono in sede per una ventina di minuti. Spesso viene usata contro patologie dolorose ma è efficace anche su molte malattie con effetti sia preventivi che curativi.

Indicazioni Terapeutiche
• problemi respiratori: sinusiti, asma, allergie
• problemi gastro-intestinali: diarrea, stipsi, emorroidi, nausea (gravidica, da chemioterapia)
• malattie della pelle: dermatiti, eczemi, orticaria
• patologie del sistema nervoso: cefalea, emicrania, algie trigeminali, acufeni, vertigini, insonnia
• problemi dell’umore: depressione, ansia, agitazione
• problemi genito-urinari: irregolarità mestruali, impotenza, enuresi, vampate e problemi legati alla menopausa
• patologie dolorose osteo-articolari, muscolari, nervose, oncologiche, fibromialgia

Somministrazione
Il ciclo di trattamento di solito comprende 8-10 sedute. Per evitare di perdere tempo e denaro, lo studio propone di valutare i risultati dopo qualche seduta, prima di stabilire la durata del ciclo di agopuntura.
Generalmente le patologie acute richiedono meno sedute.
Nelle malattie croniche e necessario effettuare sedute di richiamo.

Effetti e meccanismi d’azione
- Vaso-modulatore e trofico: ripristino della circolazione
- Antalgico
- Decontratturante
- Sedativo

  • ELETTROLIPOLISI

L’elettrolipolisi è un trattamento contro la cellulite e le adiposità localizzate (i cosiddetti “cuscinetti” di grasso). Nelle aree da trattare vengono posizionate coppie di aghi tra cui passa una corrente elettrica. Questa produce diversi effetti benefici:

- riduzione di numero e volume delle cellule grasse (adipociti)
- stimolo del microcircolo con aumento dell’ossigenazione e riduzione delle scorie
- aumento del metabolismo degli adipociti e dell’attività tissutale per il cosiddetto effetto Joule
- leggero stimolo muscolare che tonifica i tessuti evitando fenomeni di flaccidità
- effetto analgesico: come effetto dell’elettroagopuntura e per il miglioramento complessivo

Di norma il trattamento non è doloroso anzi durante la seduta si avverte un gradevole formicolio. Non ci sono effetti collaterali importanti ma a volte dopo il trattamento possono formarsi dei piccoli ematomi che scompaiono in poco tempo. La cura comprende un ciclo intensivo iniziale di 10 sedute settimanali di un’ora. In autunno e in primavera vengono poi fatti cicli di mantenimento di 1-2 sedute.

  • MESOTERAPIA

La mesoterapia consiste nell’iniezione intradermica di farmaci tramite sottili aghi che permettono d’iniettare nell’area piccole quantità di farmaco.
Attraverso la mesoterapia l’iniezione permette non solo di raggiungere quella zona con una dose inferiore di medicinale, ma anche di ridurre i tempi d’attesa dell’effetto. La sua azione si prolunga per alcune ore. Per potenziarne l’effetto si scelgono punti di agopuntura o altri con particolari caratteristiche (trigger, tender, ashi).
I farmaci utilizzati sono preferenzialmente naturali, omeopatici, omotossicologici o antroposofici.

Indicazioni Terapeutiche
- Trattamento dell’ernia discale e delle protrusioni vertebrali discali
- Artrosi dell’anca
- Tendiniti, tendinopatie
- Epicondiliti
- Artrosi delle articolazione delle dita, rizartrosi
- Artrosi del ginocchio
- Artrosi della colonna vertebrale
- Periartrite della spalla

  • OSTEOPATIA

Cosa è l’osteopatia:
Rientra nelle medicine complementari redatte dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità). Dal 31 gennaio 2018, il ddl Lorenzin N.1324-B con l’articolo 7 ha individuato l’osteopatia come professione sanitaria. L’osteopatia si serve di uno specifico sistema di valutazione e un percorso terapeutico manuale che permette di approcciare disturbi del sistema neuro-muscolo-scheletrico.
Essa studia l’uomo nella sua unità, non prevede l’uso di farmaci o di apparecchi elettro-medicali, ma studia, identifica e tratta le cause del dolore attraverso tecniche manuali. Tali approcci e tecniche (tecniche articolatorie, tecniche soft-tissue, tecniche manipolatorie, craniosacrali, viscerali) sono supportate da ricerche scientifiche per ottenere una massima efficacia e una totale sicurezza nel trattamento, per riequilibrare il sistema corporeo del paziente.

Quali disturbi tratta:
- lombalgia, dorsalgia, sciatalgia
- cervicalgia
- dolori posturali
- traumi da sport/ lavoro
- cefalee, vertigini
- problematiche masticatorie/articolazione temporo-mandibolare
- disturbi dello sviluppo pediatrico
- osteopatia in gravidanza
- disturbi dell’alvo e esiti di infiammazioni viscerali